Paestum

La rubrica che va alla scoperta delle meraviglie nascoste del nostro paese


Paestum è il nome di una città dell’antica Magna Grecia successivamente conquistata dai lucani che si trova nella città di Capaccio, a sud di Salerno.

Il Museo archeologico nazionale di Paestum mostra, in diverse sezioni, le fasi storiche che si sono ricostruite grazie ai ritrovamenti nel sito archeologico. Le più grandi sono la sezione preistorica e quella romana che viene a sua volta suddivisa in base agli argomenti che vuole approfondire (urbanistica, spazi sacri, ecc.).
Particolarmente interessanti sono le aree che contengono pezzi di scavi tra cui pitture funerarie, vasi e immagini allegoriche.

Il sito archeologico contiene una delle cinte murarie più resistenti della Magna Grecia che si estende per quasi 5km.

Il tempio di Hera, erroneamente chiamato basilica, risale al VI secolo avanti Cristo ed è quello più grande ed antico presente nel sito. Esso è di stile dorico e presenta colonne su tutti i lati con la caratteristica entasi (rigonfiamento a metà del fusto) e capitelli con corone di foglie.

Il tempio di Nettuno è quello meglio conservato del sito e sorge sopra una piccola collina. Le sue colonne sono particolari perché oltre all’entasi presentano 24 scalanature invece di 20. Il frontone triangolare sovrastante contiene un fregio tipicamente dorico.

Il tempio di Atena, noto anche come tempio di Cerere, poggia su tre gradini e si pensa fosse il centro di un piccolo santuario. Sono stati ritrovati colonne votive ed un pozzo sacrificale al suo interno.

Sono presenti nel parco archeologico anche i ritrovamenti di un foro che doveva essere circondato di botteghe ed altri edifici pubblici, le terme e l’anfiteatro.

Precedente Il sentiero degli dei Successivo Letter from Ramsgate di Suzan Lauder

Leave a Reply

Lasciaci qui il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz